>>   Fonti   


Le Amazzoni


Composto da donne guerriere, il corpo militare delle Amazzoni fu creato dal re Agadja (1708-1740). Suo padre, il re Houégbadja, aveva già organizzato un distaccamento di "cacciatrici di elefanti" che aveva anche funzione di guardia del corpo. Ma Agadja ne fece delle vere e proprie guerriere.

Antiche amazzoni - Clicca per ingrandire (58ko)  
 Antiche amazzoni. Cartolina, intorno al 1920
E. Chaudoin, in "Tre mesi in cattività nel Dahomey", nel 1891 le descrisse nel modo seguente:

"Esse sono lì, 4000 guerriere, le 4000 vergini nere del Dahomey, guardie del corpo del monarca, immobili nelle loro vesti militari, il fucile e il coltello in pugno, pronte a scattare al richiamo del loro signore.

Vecchie o giovani, brutte o belle, sono meravigliose da contemplare. Solidamente muscolose come i guerrieri neri, la loro attitudine è disciplinata e corretta allo stesso tempo, allineate come alla corda".


Secondo A. Djivo, in Guèzo, il rinnovamento del Dahomey, alcune donne si arruolavano volontariamente, altre, indomite nella vita matrimoniale e di cui mariti si lamentavano col re, erano arruolate d'ufficio. Il servizio militare le disciplinava e quella forza di carattere che mostravano nella vita matrimoniale poteva esprimersi nell'azione militare.

Sul campo di battaglia, le Amazzoni proteggevano il re e prendevano parte attivamente ai combattimenti, sacrificando la loro vita alle necessità. Guèzo diceva loro : "Quando andate in guerra, qualora foste fatte prigioniere, sarete sacrificate e i vostri corpi diverranno cibo per le carogne e le iene".

Amazzone che porta un prigioniero, coll. Musée d'Abomey Esse non potevano sposarsi né avere figli finché restavano nell'esercito: erano formate per la guerra e a questa dovevano in principio consacrare la loro vita.

"Noi siano degli uomini, non delle donne. Chi ritorna dalla guerra senza aver conquistato deve morire. Qualora ci ritirassimo in battaglia, la nostra vita sarebbe alla mercé del re. Quale che sia la città da attaccare, noi dobbiamo conquistarla o sotterrarci nelle sue rovine. Guézo è il re dei re. Finché sarà in vita noi non temeremo nulla".

"Guézo ci ha donato nuova vita. Noi siamo le sue donne, le sue figlie, i suoi guerrieri. La guerra è il nostro passatempo, essa ci veste, essa ci nutre"

Quest'armata agguerrita, spesso ebbra di gin, abituata alle sofferenze e pronta ad uccidere senza preoccuparsi della propria vita, combatteva valorosamente e precedeva sempre le truppe incitandole al combattimento. Amazzone all'attacco di un nemico

Nel 1894, all'inizio della guerra fra le truppe del generale Dodds e quelle del regno di Abomey, l'armata contava circa 4000 amazzoni, suddivise in tre brigate. "Esse sono armate di daga a doppio taglio e di carabine Winchester. Queste amazzoni operano prodigi di valore; vengono a farsi uccidere a trenta metri dai nostri schieramenti..." (Capitano Jouvelet, 1894).

Il corpo delle amazzoni fu dissolto dopo la sconfitta del regno d'Abomey, dal successore di Gbêhanzin, Agoli Agbo.

Lasciate un messaggio nel "Libro d'Oro" © copyright 1999-2011 | EPA | all rights reserved